Rosset: «La cosa più importante è che la squadra abbia vinto»