Paolo Portoghesi: «Oggi la cultura architettonica in Italia è in secondo piano»