Egidio Barel: «I ragazzi del Festival con una qualità straordinaria»