Dus: «Il vento nazionale era troppo forte per poterlo fermare con le mani»